Batteria del vostro automezzo
Vi siete mai chiesti come comportarvi con la batteria del vostro mezzo??

Oggigiorno quasi il 100% delle batterie non ha bisogno di manutenzione periodica come fino a qualche anno fa.

E allora come posso tenerla efficiente?
Ecco alcune dritte e consigli utili da poter seguire in autonomia!

Qual è la batteria idonea alla mia auto o alla mia moto? Le batterie in generale sono divise in 3 categorie a seconda della tecnologia del mezzo:

  • Tradizionali,
  • EFB (Enhanced Flooded Battery – con un rivestimento in poliestere sulla piastra positiva che ne aumenta l’autonomia) 
  • AGM (Absorbent Glass Mat – con all’interno una fibra di vetro che assorbe il liquido).
Entrambe le tecnologie NON sono intercambiabili tra di loro e, per le vetture che hanno il sistema Start&Stop, è indispensabile montare le batterie EFB o AGM a seconda del modello specifico dell’auto.

Quando si “scarica” una batteria e come posso tenerla efficiente? Le batterie auto AGM ed EFB rimaste ferme per un tempo superiore alle quattro settimane, riescono a mantenere uno status di carica superiore rispetto a quelle tradizionali. Questo però non vuol dire che non sia necessaria una manutenzione per tenerne alta l’efficienza. Infatti, è bene recarsi periodicamente (a seconda dell’utilizzo dell’auto) dalla propria officina di fiducia o procurarsi appositi dispositivi, come mantenitori di carica e carica batterie, che possano monitorare lo stato della batteria stessa autonomamente.
In caso di uso sporadico del veicolo è consigliato anche percorrere distanze di 15/20 Km su un tratto di autostrada/superstrada, per dare modo all’alternatore di ricaricare la batteria, limitando l’uso di dispositivi che assorbono energia come climatizzatori e autoradio.

Per le moto invece il discorso è ben diverso: durante periodi di lungo fermo (per esempio in inverno), sebbene queste batterie, soprattutto quelle agli ioni di litio, abbiano un autoscarica minore di quelle auto, è consigliabile utilizzare un mantenitore di carica oppure rimuoverle dal veicolo conservandole in un luogo fresco e asciutto fino al momento della nuova installazione portandole ad un’officina/elettrauto per una ricarica.

Altro discorso vale per le batterie dei camion. Non è raro infatti che questi veicoli siano equipaggiati con più batterie che vengono utilizzate contemporaneamente, vista la loro mole ed il carico che spesso trasportano. In tal caso si può caricare ogni batteria singolarmente, oppure si possono collegare tra loro tramite un mantenitore e caricarle insieme. Rimuoverle dal veicolo, quando possibile, per effettuare una ricarica, potrebbe essere un ottimo motivo per pulire e ingrassare anche i morsetti!

Visita i nostro store ricambi CLICCA QUI